Contenuto principale

Rapporti sul personale (art. 9 L.125/91)



Non è più possibile accedere per la compilazione del rapporto.


Se non si è in possesso dei dati per l'autenticazione è necessario registrarsi REGISTRATI
Se si è perso il Nome Utente e Password, è possibile recuperarli QUI

Questo sito web è ottimizzato per Microsoft Internet Explorer con risoluzione 1024x768

RAPPORTO PERIODICO SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ENTRO IL 18 MAGGIO 2018

Ai sensi dell’ articolo 9 della legge 125/91 , le aziende pubbliche e private con più di 100 dipendenti sono tenute alla redazione periodica di un Rapporto sulla Situazione del Personale maschile e femminile.
La compilazione del Rapporto serve per consentire il controllo ed il monitoraggio costante delle situazioni aziendali per il sostegno alla elaborazione di Azioni Positive.
La corretta redazione del Rapporto permetterà di individuare lo stato delle assunzioni, della formazione, della promozione professionale, dei livelli, dei passaggi di categoria o di qualifica, di altri fenomeni di mobilità, dell’intervento della Cassa integrazione guadagni, dei licenziamenti, dei prepensionamenti e pensionamenti, della retribuzione effettivamente corrisposta.
Il Decreto Ministeriale del 17 luglio 1996 interviene a stabilire i tempi e le modalità di presentazione del Rapporto.
Ai sensi dell’articolo 2 del citato Decreto, i Rapporti devono essere trasmessi alla Consigliera Regionale di Parità ed alle rappresentanze sindacali aziendali entro il 30 aprile dell’anno successivo alla scadenza di ciascun biennio; per il 2016-2017, il termine di presentazione è il 18 maggio 2018.
In caso di mancata trasmissione del Rapporto, in base all’articolo  9 della legge 125/91, il Servizio Ispettivo delle Direzioni Regionali del Lavoro, su segnalazione della Consigliera Regionale di Parità e/o delle RSA, inviterà le aziende stesse a provvedere entro 60 giorni ed in caso di inottemperanza potrà applicare una sanzione amministrativa di natura pecuniaria ed infine, nei casi più gravi, potrà predisporre la sospensione per un anno dei benefici contributivi eventualmente goduti dall’azienda.